I gruppi sanguigni

Dal XVI secolo in poi vennero compiuti molti studi sul sangue, anche perché quando si iniettava il sangue di un individuo sano in un individuo malato, si avevano assai frequentemente conseguenze mortali per quest’ultimo.

Allora ancora non si sapeva che il sangue non è uguale per tutti gli uomini.

La scoperta dei gruppi sanguigni è stata fatta nel 1900 dall’austriaco Landsteiner (premio Nobel per la medicina nel 1930), il quale osservò che mettendo in contatto il sangue di due persone si può verificare una reazione detta di “agglutinazione” con formazione di aggregati di globuli rossi e successiva distruzione a dimostrazione dell’incompatibilità del loro sangue. Sulla base di questa scoperta il Dott. Landsteiner distinse nella specie umana tre gruppi sanguigni: A, B e 0.

Nel 1902 i professori Von Decastello e Sturlo scoprirono un quarto gruppo sanguigno molto raro, AB.

Il gruppo A comprende tutti gli individui che possiedono l’agglutinogeno A, il gruppo B gli individui che possiedono l’agglutinogeno B, il gruppo AB gli individui che possiedono sia l’agglutinogeno A che quello B.
Infine, il gruppo 0 comprende tutti gli individui che mancano di queste sostanze antigene, sia del tipo A che del tipo B.

Durante la seconda guerra mondiale i ricercatori Wiener e Landsteiner scoprirono un nuovo fattore responsabile di incidenti trasfusionali. Questo fattore fu chiamato fattore Rh perché riconosciuto simile ad un antigene scoperto in una scimmia: il Macacus Rhesus. I soggetti che possiedono questo fattore sono chiamati Rh positivi (Rh+), gli altri Rh negativi (Rh-). In tutti i gruppi sanguigni ci sono individui con Rh+ e Rh-.

Ci sono quindi otto diversi tipi di sangue comuni, che sono determinati dalla presenza o assenza di determinati antigeni/sostanze che possono innescare una risposta immunitaria se sono estranei al corpo. Dal momento che alcuni antigeni possono innescare il sistema immunitario del paziente per attaccare il sangue trasfuso, nelle trasfusioni è necessaria la compatibilità dei gruppi.

Gli individui del gruppo A possono ricevere il sangue soltanto dagli individui dello stesso gruppo o del gruppo 0, gli individui del gruppo B possono ricevere sangue soltanto da quelli del gruppo B o del gruppo 0, gli individui del gruppo AB possono ricevere sangue da tutti i gruppi (riceventi universali). Gli individui del gruppo 0 possono ricevere il sangue esclusivamente da individui del proprio gruppo, mentre possono donarlo anche a tutti gli altri gruppi (donatori universali).

gruppi_sanguigni